Warning: Declaration of WPO\WC\PDF_Invoices\Documents\Pro_Document::get_settings() should be compatible with WPO\WC\PDF_Invoices\Documents\Order_Document::get_settings($latest = false) in /home/laviadib/public_html/shop/wp-content/plugins/woocommerce-pdf-ips-pro/includes/documents/abstract-wcpdf-pro-document.php on line 23
DAMA D'ORO IGP Oltrepò Pavese - La Cantina di Bacco

DAMA D’ORO IGP Oltrepò Pavese

CHF 12.90 IVA inc.

  • Pinot Grigio
  • 75 cl
Svuota
COD: 20101008 Categorie: , Tag: , , , , ,

Descrizione

DAMA D’ORO

Di colore giallo paglierino con riflessi dorati. I profumi sono eleganti e di grande intensità, uno sfondo floreale e di frutti bianchi su cui spicca la pera Williams ne completano i descrittori. Il sapore è ricco, importante la struttura in ogni modo supportata da una gradevole freschezza che gli conferisce carattere.

La Dama d´Oro è il titolo di un´opera realizzata dal celebre pittore Van Dick nel suo periodo di soggiorno a Genova, durante il quale venne ospitato dalla famiglia Cattaneo Adorno; il dipinto è un ritratto di famiglia raffigurante Battina Balbi Durazzo detta “La dama d´oro ” in compagnia  dei suoi figli, risalente al 1622.

Informazioni aggiuntive

Peso 1.5 kg
Annata

,

Scheda tecnica

Oltrepò pavese Pinot Grigio DOC
Pinot grigio da agricoltura in conversione biologica
300 mt
Tra agosto e settembre
Meccanica
Ottimo per portate a base di pesce, carni bianche e verdure fresche.
2016

 

Produttori

“Memorabile senza dubbio…”

La famiglia Adorno, di cui il Marchese Marcello è l’ultimo discendente, ha origini antichissime. Documentata a Genova sin dal XIII secolo, la Casata diede i natali ad alcuni degli esponenti più rilevanti della vita pubblica genovese, tra i quali ben sette dogi. Alla scoperta dell’America, fu l’antenato Agostino ad ottenere dalla Spagna l’apertura dei porti spagnoli del Mediterraneo per le navi genovesi. Fu in Spagna che gli Adorno legarono il proprio nome alla produzione del vino Generalife, vino tipo Jerez da uve passite Pedro Ximenez, di cui la famiglia conserva ancora numerose bottiglie più che centenarie, gelosamente custodite nella loro cantina di Genova.

La tenuta di Retorbido fu acquistata dagli Adorno nel 1834 e sin d’allora ha sempre prodotto le varietà locali di Barbera e Cortese, con lavorazione tradizionale. Nel 1997, Marcello, spinto dalla passione per vini pregiati e dall’ impegno con la qualità, ha dato inizio alla ristrutturazione della cantina e ad un programma di acquisizione e ammodernamento dei vigneti, così da far divenire l’Azienda il punto di riferimento della migliore produzione vinicola oltrepadana.

 

I sessanta ettari di vigneto della tenuta sono situati in due aree distinte: una buona parte giace attorno al paese di Retorbido, sui dolci declivi orientati a sud e ovest ed affacciati sulla fertile pianura padana; questi vigneti sono posizionati ad un’altitudine di 150 – 200 metri e sono caratterizzati da un suolo di origine alluvionale, con un alto contenuto di argilla.
Una seconda area si trova sui più ripidi declivi della Costa del Sole, ad un’altitudine che raggiunge i 350 metri; qui il suolo è ben drenato, bianco e ricco di calcare. Durante il ciclo vegetativo, i vigneti a bassa altitudine godono di maggiori temperature che consentono di portare a maturazione con facilità anche le varietà più tardive e, grazie all’ elevato contenuto in argilla dei terreni, producono vini ricchi e potenti. Le maggiori altitudini e le conseguenti maggiori escursioni termiche dei vigneti di Costa del Sole danno vini più nervosi, dai profumi complessi e di grande finezza.

Ti potrebbe interessare…